Parafarmacia online, un business in crescita

Quando parliamo di parafarmacia intendiamo un’attività dove è possibile comprare farmaci o parafarmaci per i quali non è obbligatorio avere quella che comunemente si chiama “ricetta” medica, cioè che siano stati prescritti dal medico. Negli ultimi anni il mercato della parafarmacia, del benessere e della cura personale in generale, ha subito un incremento sopratutto se parliamo di commercio online. È un mercato che è destinato alla crescita già che si prevede per il 2022 un bacino di utenza di circa sette milioni ed un fatturato di 24 milioni di dollari. In queste statistiche vengono presi in considerazione non solo farmaci e parafarmaci ma anche prodotti per la cura della persona in generale.

Nel momento in cui è stato possibile, dal 2015, digitalizzare la propria farmacia, e fare il salto online, si è visto un aumento del 15% in due mesi soli. Alcuni dati presi in considerazione ed aggiornati a dicembre 2016 mettono in evidenza il Piemonte come leader nelle farmacie online, seguito da Lombardia e Campania; il fanalino di coda invece spetta a Calabria e Trento.

Il settore cosmetico nell’e-commerce delle farmacie nel 2018

Uno dei settori che sicuramente impulsa la crescita delle farmacie online è il settore cosmetico. I dati dell’estate del 2018 confermano per il settore cosmetico in generale, una crescita del 4,5% rispetto all’anno scorso, che equivalgono ad un fatturato di 11 miliardi di euro circa.

Nelle farmacie online si è visto un aumento del 1,5% delle vendite in cosmetici e lo 0,5% per quanto riguarda l’erboristeria.

Quali vantaggi al comprare in una farmacia online?

Viene da se che il principale vantaggio di una farmacia online è la praticità e rapidità dell’acquisto per l’utente. Dalla poltrona di casa si può comprare tutto ciò di cui abbiamo bisogno e riceverlo in pochi giorni direttamente a casa. Normalmente vengono attivate per il commercio online, offerte speciali e il consumatore si sente partecipe in prima persona della cura di se stesso.

Cosa vuole l’utente dalla farmacia?

Quello che emerge è un pubblico sempre più esigente: per il futuro non vuole solo la farmacia come luogo dove si dispensano farmaci ma cerca sempre più una farmacia dalle molteplici funzioni, come polo di riferimento e incontro dove si possano avere servizi e consulenze sanitarie.

Questo fa sì che la farmacia sia un primo punto di contatto tra il pubblico e le aziende da sempre a fianco dei farmacisti; un modo per stringere una relazione e un dialogo sempre più solido e fitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.