“Manager Utility 2018”: il riconoscimento conferito all’AD e DG di Terna Luigi Ferraris

“Un premio condiviso con tutto il team di Terna”: l’AD e DG Luigi Ferraris insignito del Premio “Manager dell’Anno 2018” per l’impegno nel favorire la transizione energetica.

Luigi Ferraris

Energia: l’AD e DG di Terna Luigi Ferraris riceve il Premio “Manager Utility 2018”

È “l’impegno profuso in Terna quale abilitatore verso un modello energetico sempre più sostenibile, efficiente, sicuro e innovativo” che ha portato la Commissione del Premio “Manager Utility 2018” a riconoscere Luigi Ferraris “Manager dell’anno 2018” per il settore “Energia”. L’Amministratore Delegato e Direttore Generale del gruppo ha ricevuto il riconoscimento lo scorso 5 marzo, in occasione del XIX Workshop annuale di Agici e Accenture sul tema “Utilities, patrimonio per la crescita del paese”. “Accolgo con grande soddisfazione questo prestigioso premio” ha affermato Luigi Ferraris: dedicandolo a “tutti i miei collaboratori”, l’AD ha sottolineato come lavorino ogni giorno “con dedizione, passione e impegno” con l’obiettivo di rendere la rete elettrica “sempre più efficiente, sicura e sostenibile”. La Commissione che ha assegnato all’AD e DG di Terna il riconoscimento è composta da oltre 80 membri dei Comitati della Rivista dei Comitati della Rivista “Management delle Utilities e delle Infrastrutture”: vi fanno parte anche docenti e personalità di rilievo del mondo industriale.

Terna, Luigi Ferraris è “Manager dell’anno 2018”: l’intervento alla cerimonia di consegna del Premio

Nel suo intervento al XIX Workshop annuale di Agici e Accenture, l’AD e DG di Terna Luigi Ferraris si è rivolto a istituzioni, imprese e territori sottolineandone il valore nella sfida globale contro il climate change. “Siamo protagonisti di una transizione energetica che coinvolge tutto il settore e il vettore elettrico è uno degli strumenti essenziali per raggiungere i target fissati dal Piano Energia e Clima” ha detto l’AD e DG di Terna, sottolineando come sia sempre più necessario “investire in fonti rinnovabili e infrastrutture di rete, comprensive di sistemi di accumulo, nonché nella gestione e rinnovo della flotta programmabile convenzionale, sempre più incisivamente polarizzata verso la fornitura dei servizi di rete”. In questo contesto, come evidenziato da Luigi Ferraris, “Terna, proprio in virtù del suo ruolo chiave, intende essere protagonista ed attivatore del cambiamento in tutti i suoi elementi”. Non a caso il gruppo ha lanciato un Piano che prevede tra il 2019 e il 2023 investimenti per 6,2 miliardi di euro nel rinnovo della rete elettrica nazionale e in altri progetti, definiti anche nell’ottica di accelerare la transizione energetica del Paese verso un sistema sempre più decarbonizzato e con una maggiore capacità produttiva da fonti come il vento e il sole, che non permettono di variare la produzione in base alla domanda del momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.