Analog Devices e First Sensor sviluppano prodotti LIDAR per accelerare il futuro della guida autonoma

Analog Devices, Inc. (ADI) ha annunciato una collaborazione con First Sensor AG per lo sviluppo di prodotti destinati ad accelerare il lancio della tecnologia per sensori autonomi, adatti ad autoveicoli, aeromobili e veicoli subacquei senza conducente, per diversi settori, tra cui trasporti, agricoltura intelligente e produzione industriale. La collaborazione tra Analog Devices e First Sensor prevede lo sviluppo di prodotti che riducano la catena del segnale LIDAR per consentire prestazioni di sistema superiori, oltre a ridurre dimensioni, peso, potenza e costi per i costruttori che progettano la tecnologia di rilevamento e percezione, da inserire nei sistemi di sicurezza autonomi. Le società hanno anche programmato lo sviluppo di altri prodotti LIDAR destinati ad applicazioni automotive e industriali.

“Il primo passo da intraprendere consiste nell’ottimizzare gli innovativi amplificatori di transimpedenza (TIA) di ADI con i fotodiodi a valanga (APD) di First Sensor, in modo da offrire ai nostri clienti le più potenti ed efficienti soluzioni LIDAR e sostenere al meglio il lancio commerciale, su vasta scala, dei sistemi LIDAR nel settore del trasporto autonomo”, ha dichiarato Stewart Sellars, General Manager, LIDAR, di Analog Devices.

Da oltre 25 anni Analog Devices si occupa di tecnologia dei sensori per la sicurezza dei trasporti. Tra le ultime novità figurano TIA multicanale, progettati per convertire la fotocorrente ad ampio range dinamico in un segnale di tensione a bassa impedenza. Anche First Sensor vanta più di 25 anni di esperienza nella produzione di APD LIDAR, rilevatori ad alta sensibilità che convertono la luce in fotocorrente. Ottimizzare l’interconnessione tra APD e TIA è di fondamentale importanza, in quanto influisce in modo significativo sul rumore di fondo e sulla larghezza di banda raggiunta. I miglioramenti di questi due parametri si riflettono direttamente sui sistemi LIDAR, in grado di rilevare oggetti su distanze maggiori e precisione più elevata.

“Il settore dei sistemi LIDAR sta evolvendo e i clienti si aspettano una rinnovata attenzione verso l’implementazione di sistemi economicamente e tecnicamente compatibili”, ha dichiarato Dirk Rothweiler, CEO di First Sensor. “L’adattamento reciproco APD-TIA è quindi la prossima tappa dell’evoluzione. Grazie all’ampliamento della nostra collaborazione con Analog Devices, i nostri clienti avranno a disposizione ricevitori LIDAR in grado di offrire prestazioni migliori”.

Il LIDAR rappresenta un fattore di crescita per First Sensor e l’azienda si sta preparando ad affrontare la produzione in serie, attraverso l’integrazione verso il basso e una accelerazione della roadmap sui costi, in linea con la sua strategia di crescita.

First Sensor e Analog Devices offriranno una scheda di valutazione comune, che i produttori di sistemi potranno utilizzare per testare la soluzione combinata.

La collaborazione con First Sensor consente ad Analog Devices di proseguire con la successiva fase di implementazione di Drive360™, la sua suite di soluzioni per la guida autonoma. La suite di tecnologie Drive360, basata sulle competenze di ADI in materia di MEMS ad alte prestazioni, onde RF/millimetriche e tecnologie fotonica/ottica, consente ad ADI di fornire alle aziende del settore automotive, soluzioni olistiche e di essere un partner dedicato per soddisfare le esigenze tecnologiche di guida altamente automatizzate e autonome. Maggiori informazioni su Drive360 su http://www.analog.com/LIDAR.

Analog Devices

Analog Devices (NASDAQ: ADI) è un leader mondiale nella tecnologia analogica ad alte prestazioni ed è impegnata nella soluzione delle sfide tecniche più complesse. I prodotti Analog Devices danno la possibilità di interpretare il mondo che ci circonda, creando una connessione tra fisico e digitale per mezzo di tecnologie d’avanguardia che rilevano, misurano, alimentano, collegano e interpretano le grandezze del mondo reale. Visita il sito http://www.analog.com

First Sensor AG

Nel settore in crescita dei sistemi di sensori First Sensor sviluppa e produce soluzioni standard e personalizzate per un numero sempre crescente di applicazioni per i settori industriale, medicale e della mobilità. Attraverso collaudate piattaforme tecnologiche l’azienda sviluppa una vasta gamma di prodotti che spazia dai singoli chip a sistemi di sensori complessi. Tendenze quali l’Industria 4.0, la guida autonoma e la miniaturizzazione della tecnologia medicale mostreranno una crescita molto rapida in futuro. First Sensor è stata fondata nel 1991 a Berlino e dal 1999 è quotata alla Borsa di Francoforte [Prime Standard Ι WKN: 720190 Ι ISIN DE0007201907 Ι SIS]. Maggiori informazioni su http://www.first-sensor.com.

Dichiarazioni di carattere previsionale

Determinate dichiarazioni contenute nel presente comunicato stampa potrebbero costituire “dichiarazioni di carattere previsionale” intese a tutela da eventuali responsabilità indicate nel ‘Private Securities Litigation Reform Act’ del 1995. Tali dichiarazioni previsionali comprendono, altresì, le nostre dichiarazioni in merito ai vantaggi previsti derivanti dalla nostra collaborazione con First Sensor, i vantaggi previsti, le prestazioni, la tempistica, la disponibilità e l’adozione da parte dei clienti di nuove soluzioni LIDAR, oltre a programmi mirati allo sviluppo di altri prodotti LIDAR, basati sulle nostre attuali aspettative, convinzioni, ipotesi, stime, previsioni e proiezioni riguardanti il settore e i mercati in cui operano le aziende. Le dichiarazioni contenute nel presente comunicato stampa non garantiscono le prestazioni future, sono per loro natura incerte, comportano determinati rischi, incertezze e ipotesi difficili da prevedere. Pertanto i risultati effettivi potrebbero differire sostanzialmente da ciò che viene espresso in tali dichiarazioni previsionali. Inoltre, tali dichiarazioni non devono essere considerate una rappresentazione delle aspettative o delle convinzioni di Analog Devices aventi qualsiasi data successiva a quella del presente comunicato stampa. Tra i fattori importanti che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano sostanzialmente da quelli descritti, sottintesi o previsti in qualsiasi dichiarazione previsionale figurano difficoltà o ritardi nella progettazione, nello sviluppo, nella produzione e nella commercializzazione di prodotti, tecnologie e soluzioni e altri fattori di rischio descritti nell’ultima documentazione presentata da Analog Devices alla ‘Securities and Exchange Commission’. Analog Devices non si assume alcun obbligo di aggiornare le dichiarazioni previsionali effettuate.

Segui @ADI_News su Twitter

Iscriviti qui ad Analog Dialogue, la rivista tecnica mensile di ADI

Drive360 è un marchio registrato di proprietà di Analog Devices, Inc. Tutti gli altri marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.